Viaggiare senza confini, la nuova sfida del metaverso

Avete mai pensato di programmare il prossimo viaggio per il ponte del 25 aprile, per il lungo weekend del 1° maggio o per le prossime vacanze estive facendovi aiutare dall’intelligenza artificiale? Se non avete ancora trovato il luogo giusto da visitare, la compagnia aerea con cui volare o l’idea last minute che faccia per voi non temete, ecco qui alcune idee per un “viaggio” davvero particolare: prossima fermata metaverso!

Negli ultimi anni il turismo è diventato sempre più digitale e il metaverso ha iniziato a segnare, per il settore, un cambio epocale che sta aprendo le porte a viaggi senza più confini geografici. Dopo i difficili anni della pandemia la nostra vita, e con lei le nostre esperienze di viaggio, sono molto cambiate ma la tecnologia ci ha offerto un’importante opportunità, quella di continuare a vedere il mondo anche dal salotto di casa nostra.

Se siete in cerca di consigli, ecco alcune applicazioni che vi aiuteranno a pianificare il vostro prossimo viaggio: Roam Around, alimentato da ChatGPT, è attualmente il più intelligente pianificatore di viaggi basato su l’AI; vi basterà inserire la vostra meta e i giorni che rimarrete per avere un piano di viaggio che rispetti il vostro budget e che vi consenta di scoprire piccole chicche al di fuori dei soliti percorsi turistici. Se invece preferite immergervi totalmente nella scoperta della vostra location prima di partire, allora Wander è ciò che fa per voi: entrate nell’app, selezionate la meta e l’anno in cui preferite visitarla (come è adesso o come era 10 anni fa ad esempio) e iniziate la vostra visita comodamente seduti sul vostro divano.

Il metaverso nelle fasi del vostro viaggio

La possibilità di viaggiare e organizzare itinerari nel metaverso riguarda, per adesso, solamente specifiche fasi del percorso del viaggiatore, offrendo soluzioni innovative che vanno dall’iniziale ispirazione fino al supporto durante e dopo l’esperienza. Secondo quanto riportato da McKinsey & Company, i principali momenti del viaggio, che si adattano perfettamente all’esperienza nel metaverso sono: l’ispirazione, la pianificazione e la prenotazione, gli interessi e l’intrattenimento e il supporto.

Per quanto riguarda l’ispirazione, il metaverso sta creando, grazie all’advertising digitale, oltre 13 bilioni di dollari di opportunità: è infatti possibile utilizzare questa tecnologia per mostrare i servizi di un hotel, l’interno di un aereo e rendere tangibile la location che si desidera visitare dal primo fino all’ultimo servizio che può essere offerto. Un esempio di questa opportunità è stato creato dalla compagnia aerea Qatar Airways che ad aprile 2022 ha lanciato il servizio QVers, un’esperienza virtuale che permette ai viaggiatori di interagire con un equipaggio meta-umano. I meta-viaggiatori hanno la possibilità di visitare l’area del Premium Check-in all’Hamad International Airport e l’interno delle cabine degli aerei di ultima generazione della compagnia, dalla premiata Business Class–Qsuite alla Economy Class, utilizzando anche i dispositivi elettronici personali messi a disposizione, il tutto accompagnati da un equipaggio davvero d’eccezione.

E l’intrattenimento? Abbiamo già avuto esperienza di ciò che il metaverso è capace di offrire, ma unendo quest’ultimo ad un’esperienza di viaggio il binomio diventa molto interessante: immaginate di partecipare al concerto del vostro cantante preferito in splendide location a migliaia di chilometri di distanza da casa vostra, senza però mai mettervi davvero in viaggio, di incontrare i vostri amici per un aperitivo in una capitale europea dopo una giornata in ufficio o di fare un tour nel tradizionale suq di Marrakech; tutte queste esperienze sono sempre più tangibili e alla portata di tutti, il metaverso sta creando un nuovo modo di viaggiare grazie ad una travel immersive experience e noi, non vediamo l’ora di provarlo.